La nostra storia

Free2Change nasce a Milano nel gennaio 2017 dal lavoro congiunto di quattro ragazzi, allora studenti di Ingegneria Energetica e Ambientale: Andrea, Cecilia, Chiara e Simone. Ad unirli la stessa passione, quella di conciliare sviluppo e sostenibilità, e la stessa preoccupazione, il cambiamento climatico. L’esigenza comune era di risolvere due problemi di fondo: da un lato, la scarsa considerazione per queste tematiche in Italia (impietoso il confronto, ad esempio, con la Svezia, dove questi argomenti sono al centro di numerosi corsi universitari), dall'altro, la difficoltà di comunicare contenuti scientifici non sempre di facile comprensione e lontani dal dibattito pubblico.
Da qui, la decisione di fondare un’associazione che si occupasse di divulgazione e sensibilizzazione su questi temi, raggiungendo più persone possibili, rendendole consapevoli dei rischi e delle opportunità in gioco e chiamandole all'azione, con lo scopo di contribuire a risolvere questa sfida globale anche “dal basso”.

I canali utilizzati sono stati, all’inizio, principalmente due: la pagina Facebook, su cui vengono ancora oggi pubblicati contenuti a cadenza giornaliera, e gli incontri con il pubblico.

Che tipo di pubblico? Quello più variegato possibile, perché il cambiamento inizia dalle piccole azioni quotidiane, che tutti compiono e del cui potenziale impatto - positivo o negativo - tutti dovrebbero essere consapevoli. Si parte soprattutto dalle scuole, per due motivi: da un lato è più facile raggiungere e attirare l’attenzione dei giovani, più sensibili a queste tematiche. Dall’altro, loro rappresentano il futuro: sono le generazioni che, con le loro scelte, decideranno le sorti della sfida al cambiamento climatico.
Si inizia quindi dalle scuole superiori, ma non mancheranno incontri in biblioteche e associazioni culturali. Con il passare dei mesi, Free2Change cresce e iniziano le prime collaborazioni: prima con The Submarine, una testata web milanese su cui i ragazzi iniziano a pubblicare i loro articoli, il primo datato 10 agosto 2017. Poi alcune interviste su Radio Azzurra, emittente di riferimento nel novarese.

A fine estate Free2Change si allarga e accoglie due nuovi membri: Guglielmo, ingegnere Energetico, e Francesco, ingegnere Elettrico. Inoltre, nascono numerose collaborazioni, più o meno costanti, con appassionati al tema della sostenbilità, da cui la necessità di una riorganizzazione sia interna che dei rapporti con l’esterno. Nasce così la struttura e la suddivisione dei ruoli che ancora oggi caratterizza Free2Change e permette di collaborare con associazioni culturali, gestire una pagina Instagram, organizzare eventi anche fuori dei confini milanesi, organizzare cicli di incontri più strutturati e lanciare sfide e call to action che coinvolgano i follower, come la Zero Waste Challenge e tante altre.

Gli obiettivi per il futuro sono crescere, raggiungere e informare sempre più cittadini, rafforzare le collaborazioni e coinvolgere in modo sempre più attivo gli utenti, puntando sull’interattività e sulla potenza degli strumenti social.

Simone Prato

0 Commenti

Non c'è ancora alcun commento a questo articolo.

Lascia un commento