Il nostro evento: CAMBIAMENTO CLIMATICO E COME FERMARLO

, accennando ad uno spin off di Harry Potter da poco uscito nelle sale e (ironicamente) al motto di Donald Trump in corsa alle presidenziali del 2016. Il cuore di quel seminario, che vi presentiamo in questa pagina, è rimasto lo stesso negli incontri fino ad oggi, ma il format si è adattato man mano al pubblico a cui si proponeva. La presentazione è stata eseguita tanto agli studenti delle scuole superiori durante l’orario di lezione quanto agli avventori di un pub, in cui ha assunto la forma di un quiz a premi, passando per gli eventi organizzati presso le associazioni culturali.

Lo scopo di questa presentazione è quello di fornire al pubblico le nozioni di base sui cambiamenti climatici e le loro cause, stimolarne la curiosità verso le minacce e le possibilità offerte da questo fenomeno, e soprattutto renderlo consapevole che cambiare il proprio stile di vita, e in generale il modello di consumo, ha un impatto diretto e tangibile nel mitigare i danni che l’innalzamento delle temperature sta provocando.

La flessibilità e l’interattività sono due elementi che cerchiamo di integrare costantemente nella nostra didattica. Per questo motivo la presentazione ha mutato spesso forma, anche per inserire riferimenti all’attualità e sfruttare le possibilità che gli strumenti informatici ci offrono per rendere l’incontro il più partecipato possibile.

Generalmente, la presentazione è strutturata in 4 sezioni:

  1. Introduzione (generalmente svolta da Simone). Questa parte è dedicata alla presentazione del gruppo, delle nostre attività e del tema. Perché abbiamo deciso di occuparci di sostenibilità? Cosa c’entra il cambiamento climatico con me e con il mio futuro? Scopo di questa sezione è quello accennare le cause ed i rischi dei cambiamenti climatici, toccando punti approfonditi in seguito.
  2. Gioco di gruppo (generalmente svolto da Cecilia). Quale miglior modo per stimolare l’attenzione e la curiosità verso un problema e le sue soluzioni che lasciare che sia il pubblico stesso a scervellarsi? In gruppi da 2 a 5 persone, i partecipanti sono chiamati a fare mente locale sulla differenza fra inquinamento e cambiamento climatico, o fra meteo e clima, o sul perché si parla sempre di anidride carbonica. Il gruppo che otterrà il punteggio migliore verrà premiato!
  3. Che cosa possiamo fare? (generalmente svolto da Chiara/Francesco). In questa sezione parliamo di tutte le armi a nostra disposizione per mitigare i cambiamenti climatici, a partire da quello che ciascuno può fare nel quotidiano fino alle misure politico-economiche che le istituzioni dovrebbero mettere in pratica. Sapevate che i rifiuti non riciclati contribuiscono ad emettere gas serra? O che una tassa sulle emissioni è considerata lo strumento più adeguato per abbandonare i combustibili fossili e passare alle fonti rinnovabili?
  4. Bufale sul clima (generalmente svolto da Andrea/Guglielmo). In un internet sempre più governato da fake news è bene sapersi muovere sulle nozioni ostili che possono minare le nostre certezze. Un divertente quiz individuale a premi, svolto con il supporto di Kahoot! (kahoot.it), è stato pensato appositamente per questo scopo. Davvero una dieta vegana può contribuire a diminuire le emissioni personali? Emette di più un cinese o un canadese? Perché l’altro ieri sera faceva freddo, anche se le temperature si stanno alzando?

Abbiamo testato il gradimento di Cambiamento climatico e come fermarlo – make the Earth cool again con dei questionari anonimi, ricevendo sempre degli ottimi risultati per ogni sezione. Ad oggi (22/8/18) questa presentazione è stata svolta in 6 scuole, 4 associazioni culturali e 1 pub, seguita in media da circa 20 – 25 persone.

Vuoi organizzare una presentazione nella tua scuola / associazione culturale / pub? Scrivici a free2change@outlook.com o contattaci su una delle nostre pagine (Facebook/Instagram). La presentazione necessita solo di un proiettore o di una lim e preferibilmente una connessione internet!

Andrea Radici

0 Commenti

Non c'è ancora alcun commento a questo articolo.

Lascia un commento